Ennesimo appuntamento con una bufala Facebook in questi mesi, stavolta incentrata sul presunto capo della Polizia Postale, tale Marco Neri, che intima a tutti di alimentare un passaparola e di segnalare i profili falsi all’interno del popolare social network. Studiamo meglio questo nuovo caso.

Proviamo a mettere a fuoco al meglio la questione, prendendo in esame il testo completo del post attorno al quale gravita l’ennesima bufala Facebook di questo 2017, con relative precisazioni che seguono:

“Ciao sono Marco Neri a capo della polizia postale, ultimamente girano molti profili finti su facebook, vi chiediamo gentilmente di far girare questo messaggio a tutti e di segnalare tutti i profili con pochi amici e poche foto. Inoltre se non si gira il messaggio il tuo profilo rischia di essere bloccato, perchè verretè ritenuti responsabili e aiutanti di chi gira misterioso sul web. Pertanto vi preghiamo di esserci di aiuto. Cordiali Saluti”.

Ora, se da un lato è fuori discussione il fatto che sia vero il trend che vede una preoccupante proliferazione di profili Facebook falsi, allo stesso tempo è impossibile che la Polizia Postale possa intervenire per bloccare il nostro account Facebook, nel caso in cui si decida di non alimentare il passaparola con queste improbabili catene.

L'articolo Marco Neri della Polizia Postale e la bufala Facebook: tutte le precisazioni sembra essere il primo su Geekissimo.